Indietro  Il parigino

Top of Week Nuovo arrivo

EUR 25,00


Aggiungi al carrello  

 

Sei anni dopo «La Parigina, guida allo chic», l'icona dello stile Ines de la Fressange ha curato una completa e pratica guida di consigli di moda per uomo.

Quali sono i quindici capi d'abbigliamento essenziali per un uomo?

Come annodare una cravatta a seconda delle situazioni?

Quali colori e modelli indossare per non sbagliare?

Come scegliere l'orologio da polso perfetto?

Qual è il peggiore faux-pas che possiate commettere nel vestirvi?

Sei anni dopo «La Parigina, guida allo chic», l'icona dello stile Ines de la Fressange ha curato una completa e pratica guida di consigli di moda per uomo. Ines ci rivela - con umorismo ed esperienza dell'argomento - lo stile segreto del parisien. Ma esiste uno stile maschile tutto parigino?

Come il suo alter ego femminile, il parigino non veste griffato e sembra non prestare attenzione a cosa indossa prima di uscire.

Ma è proprio attraverso quell'atteggiamento apparentemente casual, il blazer o la sciarpa vintage, che si esprime lo spirito di Parigi.

60 esempi di stili interpretati da altrettanti personaggi emblematici della città, dallo stilista all'antropologo, dal DJ al produttore di cinema, vengono analizzati da Ines che ne svela gli abbinamenti décalés e quei dettagli che fanno del parigino un'icona di carattere.

BIOGRAFIA:

Figlia del marchese André de Seignard de la Fressange e della modella argentina Cecilia Sánchez Cirez, è una degli eredi dei banchieri Lazard.


Cresce con la nonna, Suzanne Lazard che inizia Inès all'haute couture, aprendole le porte dei suoi armadi, pieni di abiti di Patou, Balmain e Nina Ricci.

Trasferitasi a Parigi, Inès si diploma a l’école du Louvre con l'intenzione di diventare psichiatra infantile o avvocato: «Fare la modella non era un mio obiettivo e tanto meno poteva essere un mestiere», ha affermato.


Comunque alta, slanciata e affascinante, a 17 anni inizia la sua carriera nella moda, presentandosi presso l'agenzia Pauline per racimolare qualche soldo. Diventa indossatrice e modella e nel 1980 firma un contratto esclusivo per la casa di moda Chanel e fino al 1989 musa di Karl Lagerfeld.
«I motivi per i quali ho avuto successo sono assurdi: parlavo quando si dice alle modelle di non parlare, sorridevo quando si chiede loro di non sorridere, camminavo come una persona qualunque, mentre alle modelle viene richiesto di camminare bene... È perché non mi comportavo come una modella che ho avuto successo. Ero proprio l'eccezione che conferma la regola».
Ha posato per la rappresentazione della Marianne. Lavora ancora oggi nel mondo della moda.
Ha scritto, con la giornalista Sophie Gachet, un divertente libro sullo stile parigino, La parigina. Guida allo chic (in Francia edito da Flammarion e in Italia da L'Ippocampo nel 2011) da cui è nata anche una Agenda annuale, e la biografia Professione mannequin. Conversazioni con Marianne Mairesse (Dalai 2011).
Fonti: archivio Vogue, archivio Dalai

Peso: 1 Kg

 

Casa Editrice: IPPOCAMPO
Pagine: 216
 
 

Condividi

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

Potrebbero interessarti anche…